Filo rosso (Laetisaria fusiformis)

    Questa malattia è una forma parassitaria della famiglia dei funghi. I funghi crescono per tutto l'anno. Questi funghi si alimentano ricavando dal prato le sostanze nutrienti. La malattia si sparge sul prato inglese sotto forma di spore. Le spore si diffondono grazie al vento, all'aria, all'acqua e al calpestio delle persone.

    Il Filo Rosso si presenta in primavera e in autunno, durante i periodi umidi quando le temperature vanno dai 16°C ai 24°C. Questa malattia si fa sentire particolarmente su tappeti erbosi che crescono lantamente a motivo di carenza di azoto. Le varietà più vulnerabili a questa malattia sono la Poa, il Loietto e l'Agrostide.

    Filo rosso
    COME RICONOSCERE IL FILO ROSSO

    I primi sintomi evidenti in primavera sono zone di prato impregnate di acqua. Le foglie infette una volta aciutte si sbiadiranno assumendo un colore nero-bronzo. Foglie infette si mischiano con foglie sane dando al prato un aspetto stracciato. In periodi umidi il fungo si sviluppa rapidamente sulla foglia e sul fondo della pianta. Il fungo produce filetti o aree dal colore rosa corallo al colore rosso cupo sulle punte delle foglie marroni dell'erba. I filetti possono sporgere anche di due centimetri dalla foglia e sono facilmente visibili, da qui il nome "filo rosso".

    COME TRATTARE IL FILO ROSSO

    L'invasione del fungo da Filo Rosso è rapida e le foglie cominciano a morire appena due giorni dopo essere state infettate. Ciò rende il Filo Rosso difficile da controllare. Il miglior trattamento per questa malattia è curare il prato in modo adeguato al fine di mantenerlo sano. Alcuni consigli da seguire sono i seguenti:
    • Apporta la giusta quantità di azoto in quanto i prati carenti di azoto sono più suscettibili a questa malattia. I concimi granulari a lenta cessione forniscono al prato inglese la giusta quantità di azoto per un lungo periodo
    • Evita le innaffiature eccessive e non innaffiare nel tardo pomeriggio o la sera. Lasciare il prato bagnato di notte farà si che le spore della malattia si spargano rapidamente creando un maggior danno.
    • Riduci le zone ad ombra che formano maggiore umidità sul prato.
    • Accertati che il terreno abbia un buon drenaggio. Ciò fa si che l'umidità rimanga intrappolata sulla superficie del prato favorendo così la diffusione delle spore della malattia. La regolare arieggiatura del contribuisce a scompattare il terreno e riduce il problema dell'umidità nel prato. L'arieggiatura migliora anche l'assorbimento di acqua e la circolazione di aria nella zona della radice.